Acli Provinciali di Brescia
battaglie sociali
Buon Natale
attività acli / battaglie sociali / Buon Natale

 #EDITORIAL

Parigi, Roma, Brescia e le altre
di Roberto Rossini 
(presidente provinciale ACLI)

Parigi, ancora: ancora nudo terrore travestito da guerra di religione: questa volta più molecolare e meno giustificato, con obiettivi a casaccio (per noi, ma non per gli assassini, che hanno meticolosamente pianificato): chi prendeva un caffè, chi ascoltava una rock band, chi tifava in uno stadio... Cose ordinarie: cose che ci fanno apprezzare la bella quotidianità della vita. Ma il terrore agisce così: trasforma la letizia in tragedia, cambia verso al bene. Gli assassini dicono che lo fanno in nome di Allah. Ci riesce difficile accettare un Dio che voglia la morte degli uomini. Sarà per questo che il Papa ha ribadito che usare la religione per giustificare l'assassinio è una bestemmia. A questa perversa logica simbolica e religiosa corrisponde il sangue di decine di vite. Sangue innocente. Tanto sangue: i dati pubblicati in questi giorni ci dicono che il terrorismo fondamentalista uccide migliaia di innocenti, per la più parte musulmani. E` una questione mondiale: è – come diceva il Papa – una guerra mondiale “a pezzi”. Se è così allora queste vittime sono dei caduti. E noi renderemo loro onore cercando le vie che prima o poi portino ad una pace possibile, ad un giusto ordine. Perchè prima o poi la pace arriva. Sempre. Anche se di fronte alle tragedie ci rendiamo conto che, umanamente, è sempre troppo tardi.
 
Parigi, Brescia e altre nove città. In questo mondo ci sono ancora i fascisti, che portano il loro contributo al dibattito attaccando le sedi della Caritas (e del Pd) perchè si organizza (si facilita) l'accoglienza dei profughi. E così ecco sagome umane tricolori per terra e manifesti funebri contro lo ius soli (cioè la cittadinanza italiana acquistata da chi nasce sul suolo italiano). Secondo questi esisterebbe addirittura un disegno per annientare l'identità italiana. Come se l'identità italiana fosse un problema razziale. Come se l'identità italiana non fosse largamente fondata proprio su esperienze di migrazione: questo Paese, piaccia o no, con la migrazione ha una storia lunga e ancora aperta. I migranti riscrivono le identità di tutti, come è sempre stato nella storia. Fermare la storia non ha mai avuto senso, ha sempre rappresentato la linea della sconfitta. Semmai colpisce vedere proprio questi migranti sventolare felicemente la bandiera blu dell'Unione europea quando c'è in atto una campagna di alcuni “europei” contro l'Europa! Le conquiste morali e civili dell'Europa sono ridicolizzate dagli europei stessi (per fortuna sono pochi): è quasi ridicolo vedere che l'orgoglio per le radici europee appartiene più a qualche migrante che a qualche sedicente europeo. Saranno loro a salvare l'identità europea?
 
E infine Roma. Anche quest'anno la legge di stabilità penalizza i patronati. In realtà si tratterebbe di denaro dei lavoratori, di loro redditi espressamente destinati a questo fondo, ma il Governo va avanti lo stesso, sottraendo risorse a questo servizio che, come abbiamo più volte dimostrato con i nostri rapporti sull'attività, permette ai cittadini di trasformare i fatti della vita in tutele: l'invecchiamento, l'invalidità, l'infortunio, la maternità, la disoccupazione e quant'altro. I patronati permettono ai cittadini di sentirsi più cittadini: mentre con questi tagli, da oggi, i patronati si sentono meno patronati. Forse occorrerà pensare a un nuovo patto tra pubblico e privato, affinchè non occorra pietire le risorse alla politica, ma la politica consegni le giuste risorse a chi si occupa delle vite dei cittadini.
 
Roma (un ultimo appunto): visita al Quirinale assieme alla Presidenza nazionale per un amichevole colloquio col Presidente Mattarella. Sergio ci ha ringraziato perchè le Acli hanno contribuito alla crescita democratica e sociale del nostro Paese, e la loro storia è davvero conforme al modello della nostra Costituzione. E poi ancora, ci ha detto che le Acli hanno mantenuto una presenza nel corpo sociale del Paese sempre intensa e volta alla tutela dei diritti e all'assistenza di chi è più debole. Grazie! 
 
P.S. Buon Natale
 
 

32 pagine di auguri
di Stefania Romano
 
A volte i numeri sono sterili, a volte sono “dati parlanti”. I numeri delle “nostre” dichiarazioni dei redditi appartengono senza dubbio alla seconda categoria: grazie al lavoro del Caf e della Commissione Lavoro che ha raccolto ed elaborato i dati, sappiamo come stanno i bresciani, quanto e come spendono o non spendono.
A farne le spese pare sia la salute.
E allora ecco il check up per il sistema sanitario nazionale e regionale, con un affondo sul 112, ex 118 (non è solo una questione di numeri di telefono).
Altri sono i numeri del terrorismo, parola contenete la radice del terrore, difficile da estirpare. La contiene e la genera, colpendoci al cuore, soprattutto quando il cuore è l’Europa e l’Occidente. La paura è cattiva compagna quando si tratta di fare scelte politiche determinanti: ecco allora un’Europa malata di estremismi e corruzione che alimentano il già cronico euroscetticismo.
Ma guardiamo con speranza al futuro: lo hanno fatto il Papa e la sua Chiesa a Firenze, durante il Convegno ec- clesiale. Parole d’ordine: disinteresse, beatitudini e umiltà per segnare l’identità della Chiesa italiana.
Anche il “dopo Expo” si proietta al futuro. “Dopo mesi di semina, ora si tratta di raccogliere frutti, contatti, incontri, contratti” per vincere la battaglia della sostenibilità alimentare e realizzare un’autentica “conversione ecologica” mediante un nuovo stile di vita. Francesco, il Papa, lo ribadisce a gran voce nella sua ultima Enciclica.
E` Natale, tempo di famiglia. E allora sfogliamo l’album fotografico delle Acli bresciane e riviviamo i settant’anni attraverso i volti di tutti coloro che hanno reso grande e longeva la nostra associazione. Sì, perchè gli anziani pare siano sempre più longevi: parola di Fap.
Ma Natale è anche tempo di rilassarsi in compagnia di un buon libro: questa volta ve ne proponiamo parecchi, per tutti i gusti, perchè leggere è per “legittima difesa” (Woody Allen) e talvolta ci sono parecchi motivi per difendersi.
Auguri a tutti i lettori, soprattutto ai nostri! 
 
 
 
In questo numero di Battaglie Sociali:
Filo Rosso
I redditi dei bresciani (a cura della Commissione Lavoro)

Bel paese
Assistenza sanitaria (di Arsenio Entrada)
Politica esautorata (di Angelo Onger)

Chiave a stella

Studiare o lavorare (di Stefania Romano)
 
Filo soffiato
Belle pagine di Chiesa (di Massimo Venturelli)
 
Cooltura
La fantascienza è un genere responsabile? (di Davide Baresi)
 
On tè road
Expo dopo Expo (di Flavia Bolis)
 

e molto altro...
 
 
09/12/2015
DOCUMENTI
Attività ACLI
Battaglie sociali Rassegna stampa Comunicati e articoli Documenti e progetti Eventi e iniziative
I prossimi eventi
20
VEN
21
SAB
21
SAB
21
SAB
24
MAR
24
MAR
25
MER
- vedi tutti gli eventi -
Forse ti può interessare...